UN GIORNO DI FESTA

Un Giorno di Festa

Tutte le informazioni sul nuovo album,
"Un Giorno di Festa, ultimo lavoro in studio degli Statuto

E' già domenica

E' Già Domenica

I brani dell'
ultimo disco in studio presentati da oSKAr in una scheda dettagliata

Il libro di oSKAr

Il libro di oSKAr - Il migliore dei mondi possibili

Leggi la recensione del libro di oSKAr e scopri come acquistarlo

Essere MOD

Essere MODIl significato di uno stile di vita

Il nuovo singolo: Batticuore Amore di classe Essere MOD

DAL 23 AL 25 GIUGNO 2017


VOLETE ORGANIZZARE UN CONCERTO PER IL TOUR ESTIVO DEGLI STATUTO ?
SCRIVETE SUBITO A info@statuto.net
= = = = =
Ripartirà il 30 giugno dalla provincia di Perugia il tour degli STATUTO per presentare l’album “ZIGHIDÀ 25” (Universal), che celebra il 25° anniversario dalla pubblicazione del disco “Zighidà”. Ecco le prossime date del calendario, in aggiornamento, dello “ZIGHIDÀ 25 TOUR”: ; 30 giugno in Piazza a Moiano (PG).
In radio ascoltate il singolo “QUI NON C’E’ IL MARE”, prodotto da Max Casacci,che ha come ospite d'onore CAPAREZZA. Questo il link per visualizzare il video su Vevo:
http://vevo.ly/8gbLHf
I diritti SIAE del singolo “Qui non c’è il mare” saranno devoluti all'associazione CARLO U. ROSSI (già produttore della band e tra i maggiori produttori artistici italiani, scomparso tragicamente nel 2015) che si occupa di sostenere gli studi dei giovani desiderosi di diventare produttori artistici.
APPENA USCITO “ZIGHIDA’25”
Ecco la tracklist del disco: “Zighidà”; “Piazza Statuto”; “Abbiamo vinto il festival di Sanremo”; “Senza di lei”; “Piera”; “Ghetto”; “Balla”; “Moskowska”; “Quando quando quando”; “Ragazzo Ultrà”; “Non farmi ridere”; “Le – U”; “Libero”; “Baciami baciami”; “Qui non c'è il mare”.
“Zigihdà 25” contiene anche 3 bonus track, tra cui il nuovo singolo: “Noi duri”; “Abbiamo vinto il festival di Sanremo” (con la partecipazione del tenore Romano Doria); “Qui non c'è il mare” (feat Caparezza).
«“Zighidà” è l’album che ha consegnato il nostro Ska intriso di Soul e Pop al grande pubblico, portandoci dai locali underground al palco dell’Ariston e del Festivalbar - raccontano gli Statuto - Il suono è originale, di facile ascolto ma mai banale, semplice seppur con ricchi arrangiamenti di fiati e tastiere. I testi trattano esplicitamente tematiche metropolitane e sociali risultando anche oggi incredibilmente attuali. La produzione di Gianni Maroccolo rende il disco sempre evoluto, oltre i limiti di tempo e spazio, integro nella sua spiccata identità mod, che caratterizza fedelmente e piacevolmente il nostro stile estetico, musicale e ideologico. Il “live” contenuto nell’altro cd dimostra che energia, entusiasmo e divertimento non penalizzano la tecnica strumentale e vocale nonché la professionalità di band come la nostra, cresciuta in cantina e nei club prima di arrivare in TV e ai grandi palchi e non viceversa...».
 -
Gli STATUTO sono oSKAr (voce), Naska (batteria), Enrico Bontempi (chitarra) e Rudy (basso). La band è una realtà unica nel panorama della musica italiana, con il suo coerente ma non per questo mai evoluto stile mod, con la loro immediatezza e sfrontatezza nei testi impegnati. Gli Statuto sono spesso ironici o sarcastici, aggressivi e umili, con una musica diventata di "moda" che è iniziata con lo ska e si è fusa con il soul e il powerpop, diventando totalmente originale e incatalogabile. Senza mai aver assunto i panni delle "star", senza essersi mai allontanati idealmente (e geograficamente) da Piazza Statuto, luogo di partenza e di creazione culturale, ideologica e musicale del gruppo sono arrivati su ogni tipo di palcoscenico, dal Teatro Ariston del Festival di Sanremo al concerto per i licenziati della Lancia/Fiat di Chivasso, dal Festivalbar al Leonkavallo, dal Cantagiro al concerto in Plaza De La Revoluciòn all’Habana de Cuba (invitati dalle autorità locali), sempre con la massima semplicità e naturalezza che li contraddistingue fin dai loro inizi. Gli Statuto sono reduci da un tour nei club durante il quale hanno presentato l’ultimo disco “Amore di Classe” (2016).
= = =
LO STILE MOD E’ SEMPRE IL PIU’ ATTUALE
Il Modernismo è per noi la soluzione migliore per vivere in questo pessimo sistema. L ‘ho già scritto e detto più e più volte e ogni giorno che passa, ne abbiamo conferma totale e indiscutibile.
Nell’universo giovanile non c’è la minima ricerca estetica, l’interesse per lo stile è nullo, la necessità di distinguersi non esiste e si accetta di farsi travolgere dalla marea della passività qualunquista. Le città sono invase da baldi giovani in braghe corte cacate, in sandali o infradito, conditi da barbe lunghe e cozze rasate, oppure capelli più lunghi dei pantaloncini (zozzi,corti ma firmati). I borghesi si vestono esattamente come i tamarri, mettono capi più cari e cappelli dritti e magari, invece degli infradito, mettono vans con calzino. Tagli di capelli più ridicoli di quelli di Johnny Rotten (che almeno li adottava con motivazioni consapevoli). Distese di tatuaggi brutti, incomprensibili, talvolta comici invadono la superficie di perfetti servi del mainstream urbano.
Ho amici che hanno pochissima pelle senza tatuaggi, ma ogni loro segno ha un senso, un’appartenenza una storia. Chissà perché questi tatuaggi risultano belli, interessanti e piacevoli. sarà perché sono credibili ? e non sono quelle chiazze comiche che decorano braccia e polpacci dei calciatori ?
Poi la musica. Innanzitutto l’invasione di ritmi e melodie latineggianti. Massì.. è tutta una festa. Poi la musica “dance” commerciale. Subito dopo i capolavori di Rovazzi e Bellofigo, ci sono queste bellissime canzoni, tutte da ballare e cantare “Oh oh oh”.Questo per la grande massa. Poi c’è l’altra grande massa che crede di non essere come l’altra. Perché ? Perché invece di ascoltare Emma, Bernabei o Riki (so chi è,tranquilli), ascolta i cantanti con la barba, la voce sempre irridente e testi di chi è sempre il più furbo perché se ne frega di tutti ancora più di tutti gli altri.
E’ un momento storico in cui la ricerca, lo stile, l’eleganza, la creatività e la genialità mod sono proprio fuori dalla conoscenza e dai gusti dell’essere umano.
ma questo non è un problema. Anzi.. è la conferma che siamo sempre consapevoli e veramente liberi delle nostre scelte estetiche, ideologiche e comportamentali. Un mod lo riconosci in mezzo a una massa di migliaia di persone e in qualsiasi parte del globo.
Non siamo di moda. Non siamo MAI stati di moda. Per questo siamo sempre attuali, sempre PIU’ attuali.
Mods..fieri ed eleganti e sempre.. un passo avanti !
E’ bello essere mod !
= = = = =
LE VOSTRE MAIL SCRIVETE SALUTI, SUGGERIMENTI, CONSIGLI, CRITICHE O FATE DOMANDE CHE VI PARE  A 
statutomod@yahoo.it
= = = =
PIAZZA STATUTO MOD
AUGURI A BRUNILDE & DAVIDE PER I LORO 25 ANNI DI MATRIMONIO MOD !!
-
L’appuntamento per tutti i Mods di Torino e zone limitrofe è per sabato pomeriggio alle ore 16.00 in piazza Statuto davanti al n*18 di Palazzo Paravia. Purtroppo io sarò impegnato ancora negli orali di terza media e non se e quando potrò arrivare…
Alla sera dei “fuochi” ne facciamo volentieri a meno e consiglio il concerto ’60 in acustico dei Beat Power di Rudy Ruzza al Cafè Neruda di via Giachino.
E’ stata finalmente decisa la data dell’annuale scooter run delle Frecce Cromate, quest’anno si concluderà a Viù, paesello di montagna reso celebre dalle nostre scorribande del capodanno 1982/83, raccontate bene nel libro “Il Migliore dei Mondi Possibili”..
-
DOMENICA 9 LUGLIO
FRECCE CROMATE TORINO MOD RALLY
Ritrovo ore 9.00 in piazza Statuto e partenza per Viù passando per il Colle del Lys e pranzo al ristorante del Campeggio “Tre Frei”
= = = = = =
GRANATA MODS
NO AL CALCIO MODERNO !
SI’ AL CALCIO MOD !
TRASFERTE LIBERE !
= = = = =
E’ tutto.
Grazie a tutti voi.
Ci leggiamo lunedì.
RABBIA E STILE
oSKAr

STATUTO - official web site

copyright 2010 - info@statuto.net